Politica dell’Occupazione in Italia, quasi del tutto assente!

31 gennaio 2010 di Giovanni Volpe

politica-occupazionePer chi vive in un mondo dorato, dove tutto è facile, di solito è al primo posto il proprio tornaconto, i problemi reali dei cittadini, lavoro, scuola,… sono in secondo piano. La casta dei politici, continua con disinvoltura ad insistere su un modus operandi sempre più inaccettabile.

A titolo esemplificativo, per evidenziare la gravità del fenomeno delle Persone senza lavoro, per le difficoltà di trovare lavoro in Italia, il numero di nostri concittadini costretti a cercare lavoro all’estero è impressionante.

Per quanto riguarda il nostro Paese, la notizia del giovane operaio di 35 anni che a causa della perdita del lavoro, in un profondo stato di sconforto e disperazione, ha cercato di suicidarsi dandosi fuoco con la benzina. L’uomo si trova al momento ricoverato al Centro grandi ustionati di Verona, in condizioni gravissime.

La perdita del lavoro, per un giovane, una donna, un over40, comporta una serie di disagi, con ripercussioni in ambito famigliare, con divorzi,…o con l’impossibilità di crearsi una famiglia, oltre all’aspetto umano, da considerare gli effetti sull’intero sistema economico, in special modo sulla domanda interna.

Il diritto al lavoro, garantito dall’Art.1 della Costituzione della Repubblica italiana, che in questo post, sottolineo per porre all’attenzione dei lettori, in particolare in considerazione delle voci insistenti, inerenti la volontà espressa da esponenti del governo di abolire l’articolo in questione!

Invece, di intervenire con iniziative idonee, leggi, Riforma del Lavoro, del Welfare,…come hanno già fatto con prontezza ed efficacia tanti altri Stati dell’Unione Europea e non solo, per creare le condizioni per offrire un lavoro per tutti, uomini e donne; integrati da corsi di formazione, indennità di sostegno, nei periodi in cui si è privi di un lavoro o in caso di mancanza di altre fonti di reddito.

Dal Rapporto 2010 dell’Eurispes, ho estrapolato alcuni passi significativi: “Manca un progetto, non sembrano volerlo (o essere in grado di produrlo) le forze e i soggetti che si propongono alla guida del Paese, e questo “mortifica le attese degli italiani e impedisce di immaginare e costruire il futuro”. “…ma dal nostro osservatorio – avverte il presidente Fara – cogliamo segnali preoccupanti di disagio, di distacco, quando non di ostilità nei confronti delle Istituzioni che aspiranti capipopolo vorrebbero cavalcare. E mentre tutto ciò accade, la nostra classe dirigente appare interessata solo agli equilibri di potere, a costruire e smontare alleanze, ad operare per il proprio esclusivo tornaconto, ad imbastire lucrosi affari, a difendere privilegi e vantaggi senza rendersi conto che l’intero sistema si sta progressivamente sfaldando”.

Tu, come la vedi?

 

Per le tue ricerche su questo mercato del lavoro, sempre più duro e difficile, per trovare informazioni utili, tra le fonti che possono meritare la tua fiducia, siti di lavoro, blog sul lavoro, a cui attingere, hai la possibilità di esplorare, ad esempio, negli archivi, (in alto a sinistra, nella homepage), nel box di ricerca (in alto a destra, nella homepage), nella sezione Categorìe, (colonna destra) su questo sito web “GiovanniVolpe.it”.

 

Pubblicità

Non è permesso il rilascio di commenti per questo articolo.


Logo Blog G.V. (80x80) Volpe dr. Giovanni - foto 95x110
Ciao, sono Giovanni Volpe (fondatore e autore: "Il Blog di Giovanni Volpe") www.giovannivolpe.it Blog sul lavoro, corsi, recensioni di libri, prodotti e servizi. In questo spazio, consigli utili,... idee. Ho scritto e pubblicato dalla nascita del Blog, nel Maggio 2009, più di 4500 articoli. Licenza Creative Commons
Quest'opera distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported. twitter - icona pinterest - FeedRSS - Archivi - Contatti - Collabora - Privacy - Cookie Policy - Donazioni ________________________________________________________________________